• Seminari clinici. Brasilia e San Paolo
Seminari clinici. Brasilia e San Paolo

Seminari clinici. Brasilia e San Paolo

Nella seconda metà degli anni Settanta, Wilfred Bion, esponente di spicco della psicoanalisi britannica, condusse import anti seminari a Brasilia e a San Paolo. Dopo la sua morte, la moglie Francesca, che lo aveva accompagnato, raccolse in questo volume gran parte del materiale registrato, selezionando i momenti salienti della discussione. Forte di una lunga esperienza di pratica analitica costantemente messa in questione, Bion invita a riflettere sulla posizione dell'analista, sollecitando l'interlocutore a coltivare sempre la fiducia nella propria capacità di osservare, di sopportare l'incertezza, di "contenere" il disagio del paziente. Egli stesso descriveva la psicoanalisi come "un mestiere duro", "un lavoro pericoloso", e l'esperienza analitica come "potenzialmente sgradevole sia per l'analista sia per l'analizzando". Alla domanda se la funzione dell'analista sia quella di aiutare il paziente, Bion risponde: "Stiamo tentando di dire: 'Ti aiuterò a conoscerti, cercherò di essere uno specchio che rifletta per te la persona che tu sei, sicché potrai vedere in quello che ti dico un'immagine di te stesso'". Attraverso questi seminari si snodano i fili del penetrante insight di Bion. Egli riteneva che, nell'osservazione del paziente, l'analista dovrebbe associare la curiosità disciplinata dello scienziato, il calore dell'umanista, la saggezza del filosofo e la sensibilità dell'artista. Un profilo certo molto alto, al quale questa grande figura di studioso sembra però arrivare molto vicino. Vedi di più